Nell’entroterra romagnolo, immersa in un dolce e accogliente paesaggio, arriviamo a Faenza, città di antiche tradizioni e dai tanti volti.
Faenza è nota in tutto il mondo per l’artigianato della ceramica. Fin dal Medioevo infatti Faenza si è distinta come centro ceramico di primaria importanza, tanto da legare il proprio nome alla tipologia che nei secoli maggiormente la contraddistinse, la maiolica, conosciuta dalla seconda metà del ‘500 in tutta Europa col termine faience.
Il cuore di Faenza si affaccia su due piazze contigue, piazza Libertà e piazza del Popolo, dove incontreremo la Cattedrale di San Pietro apostolo. Costruita in piena età rinascimentale, conserva al suo interno delle opere molto importanti e tre grandi terracotte firmate da Luca della Robbia.  Oltre alla Cattedrale sorgono in queste piazze il palazzo Comunale e il Palazzo del Podestà.
Tra la fine del ‘700 e il 1820 la città visse una stagione artistica neoclassica intensa e di altissimo livello che ebbe come protagonisti gli architetti Giuseppe Pistocchi, Giovanni Antonio Antolini e il pittore Felice Giani. I loro interventi rinnovarono il centro storico che assunse forme neoclassiche uniche in Romagna. Per apprezzare questo momento storico vi porterò al Teatro Masini e lungo Corso Mazzini per arrivare infine al sontuoso Palazzo Milzetti. Qui una serie incredibile di stanze rivestite di raffinate decorazioni rappresenta il culmine dell’arte neoclassica faentina.

Durata: 3h
Link utili: prolocofaenza.it